pompei-10-febbraio

Sabato 10 febbraio il Cav. Corsini membro del Consiglio Direttivo Nazionale ENS insieme al Presidente ENS Regionale Campania Gioacchino Lepore e al Presidente ENS Provinciale di Napoli Elvira Sepe sono stati ospiti a Pompei

per una giornata all'insegna dell'accessibilità. Al mattino è stato presentato il nuovo percorso accessibile “Pompei per tutti” che inaugura finalmente un'epoca in cui tutti i cittadini, disabili compresi, possono godere del patrimonio artistico-culturale del territorio.

Una serie di rampe e raccordi sapientemente installati lungo un percorso di 1.2 km, dall'Anfiteatro fino al Foro, rendono gli scavi fruibili anche per i disabili motori che purtroppo finora non potevano accedere facilmente al sito archeologico proprio per la difficoltà di transito in sedia a rotelle. È stato presentato inoltre il nuovo braccialetto “Con-Me” un prototipo a dire il vero, dotato di wifi – GPS – SOS per monitorare l’utente in ogni tratto del percorso grazie a sensori dislocati su tutto il tragitto che all'occorrenza può essere opportunamente collegato a degli auricolari per poter usufruire di un'audio-guida, cosa che i ciechi e
ipovedenti sicuramente avranno apprezzato.

Tanti sono stati i suggerimenti e consigli dati al Gruppo di lavoro MiBACT-CNR che hanno in carico la produzione e progettazione dei braccialetti, soprattutto per quanto riguarda l'applicazione della stessa tecnologia per gli utenti sordi. È proprio la Direzione Generale dei musei del MiBACT – Direttore Generale Antonio Lampis – in special modo il Servizio II diretto da Manuel Roberto Guido e dal gruppo di lavoro della dott.ssa Gabriella Cetorelli, ad aver aperto la strada al progetto per il superamento dell’esame barriere tangibili, intangibili e digitali nei luoghi della cultura. Il convegno pomeridiano è stato occasione di confronto e informazione per prendere coscienza di quanto sia stato finora fatto e quanto ancora resti da fare.

Diversi relatori impegnati nel grande progetto Pompei hanno portato il loro contributo portando alla luce problemi, soluzioni, idee con il solo obiettivo di dare sensibilità e creare un terreno fertile per l'abbattimento Delle barriere architettoniche e sensoriali che purtroppo precludono ancora oggi l'accesso ai grandi tesori della nostra Italia. Così sabato si è aperto l'Anno Europeo del Patrimonio Culturale 2018, un anno che auspichiamo sia l'anno della piena accessibilità.

Un grande in bocca al lupo al gruppo di lavoro!